Attualità

L’IoT rivoluziona la smart home e la smart city

Le applicazioni nel mercato domestico e pubblico stanno dando nuova linfa al mondo degli oggetti connessi. L’obiettivo: risparmiare 270 miliardi di euro grazie all’efficientamento dei processi

Muoversi in prima linea nella promozione di stili di vita più sostenibili con l’obiettivo di ridurre il consumo di energia globale e puntare ad un risparmio di oltre 270 miliardi di euro. Tutto ciò grazie alle potenzialità dell’Internet of Things applicate all’illuminazione Led connessa, un target in linea con i più recenti trend di mercato.

 

Questa è la direzione di Philips Ligthing che, attraverso Philips Hue, il primo sistema di illuminazione domestica Led controllabile direttamente dal web, è stato precursore in tema di luce connessa: il consumatore ha la possibilità di interagire e controllare l’illuminazione di casa dal proprio smartphone con effetti reali sul miglioramento della qualità della vita. A ciò si aggiungono le recenti partnership siglate con operatori in ambito telco, assicurazioni ed energia (nello specifico: l'operatore di telecomunicazioni olandese KPN, la compagnia assicuratrice francese AXA e l’utility francese ENGIE), al fine di garantire un maggior controllo dell’abitazione contro eventuali rischi di incendio, allagamento e furto, nonché ridurre i consumi energetici degli elettrodomestici grazie al dialogo costante fra luce e dispositivi mobili.

 

Anche le municipalità si stanno muovendo velocemente, seppure non in maniera strutturata, nella direzione dell’Internet of Things. Crescono i progetti multifunzionali, in cui la rete per l’illuminazione smart è utilizzata per raccogliere informazioni da altri oggetti, come sensori di inquinamento acustico o sensori di occupazione dei parcheggi. In questo contesto si inquadra l’annuncio della nuova partnership globale fra Philips Lighting e Vodafone per favorire la diffusione della luce stradale connessa mediante tecnologie wireless nelle città di tutto il mondo, con l’obiettivo di risparmiare energia e rendere la manutenzione più veloce ed efficiente. Grazie a questa rivoluzione, le amministrazioni cittadine investono in sicurezza poiché sono in grado di monitorare e gestire tutta l'illuminazione mediante un sistema intuitivo e flessibile come Philips CityTouch, mentre i tecnici possono effettuare controlli delle prestazioni, identificare i guasti e controllare le luci da remoto. La riduzione dei consumi è concreta e misurabile. Il sistema garantisce un risparmio energetico del 40%, a cui si aggiunge un ulteriore 30% in termini di efficienza grazie all'illuminazione Led.