Attualità

Meeting di Comoli Ferrari: la “maternità” è il futuro dell’impiantistica

Sensing and actuating, impianti: piattaforma di servizi. Intera responsabilità sul ciclo di vita, nuove skill e ri-formare il personale, linguaggi uniti nel progetto e valore come arricchimento sono fra i punti più innovativi del meeting organizzato da Comoli Ferrari il 30 gennaio con il mondo della produzione di soluzioni e componenti per l’impiantistica.

Il primo appuntamento dell’anno che celebra il novantesimo di Comoli Ferrari è stato particolarmente intenso. Il 30 gennaio più di 500 manager delle aziende di produzione del settore hanno affollato la sala Energia all’Arcadia di Melzo, per esaminare percorsi di sviluppo e di crescita.

Fin dall’inizio Carlo Alberto Carnevale Maffè, docente della SDA Bocconi e opinionista di Radio 24, ha smarcato il punto chiave della digitalizzazione che porta dalla vendita alla rendita, non è più un percorso lineare come la filiera ma una traiettoria circolare che da analytics e innovation porta a data e services per il cliente in un ambito smart, sia in ottica tecnologica che di approccio.

Dopo il videointervento del presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, Carnevale Maffè ha coinvolto Maurizio Comoli (Banco BPM), Giuliano Busetto (Anie), Gianni Massa (CN Ingegneri) nell’esame dello scenario di mercato e nell’individuazione di modelli e di keyword per uno sviluppo smart e sostenibile.

Il concetto di “maternità” dell’impianto, che ha proposto Carnevale Maffè, si rifà alla “devozione permanente” che tutti gli operatori devono all’impianto in tutto il suo ciclo di vita, passando da una filiera a una “circoliera”, sviluppando linguaggi interoperabili come una sorta di “Champollion tecnologici” alle prese con una stele di Rosetta digitale. Gianni Massa, vice presidente del Consiglio Nazionale degli ingegneri ha posto l’accento sulla “struttura del linguaggio progettuale” che deve riunire i linguaggi di tutti gli attori del progetto in quanto processo, che inizia dall’idea e prosegue fino alla realizzazione e gestione dell’opera, con una continua rilevazione di informazioni e con la conseguente definizione di azioni appropriate, come accade per un team di formula 1.

Giuliano Busetto, presidente di ANIE l’associazione di Confindustria delle aziende elettrotecniche ed elettroniche italiane, rimarca la necessità di comprendere correttamente l’impatto della digitalizzazione in particolare per le piccole imprese. La necessità di ripensare le skill e di formare nuovamente (“ri-formare”) il personale diventa impellente.

“Capire come aiutare le imprese è nell’interesse delle banche …” ha ribadito Maurizio Comoli, vice presidente di Banco BPM, banche che necessitano di nuove competenze che devono possedere il linguaggio per interpretare queste filiere.

Il ruolo di banca che Comoli Ferrari, il maggiore distributore indipendente italiano, da sempre svolge è stato sottolineato da Paolo Ferrari, AD del Gruppo novarese, che ha però spostato l’attenzione sulla continua creazione di valore per tutto il comparto che è stato sempre una caratteristica dell’impresa fondata dai nonni e che negli ultimi anni è diventata una vera mission con lo sviluppo di nuovi servizi per tutti i partner in ottica hub, un hub made in Italy, come recitava il pay off lanciato nel precedente incontro con il mondo della produzione nel novembre 2017.

La seconda parte dell’incontro è stata dedicata ai progetti della “stagione 2019” che, oltre all’evidente effervescenza delle celebrazioni del 90°, vede un ulteriore potenziamento degli investimenti in tutte le aree di creazione del valore.

Negli interventi di Anastasia Ferrari, Direttore Acquisti, Raffaele Veneruso, Direttore Commerciale e Marketing Strategico e Margherita Ferrari, Direttore Comunicazione, i Fornitori e i Clienti sono diventati Partner, e le iniziative presentate sono state indirizzate al più vasto pubblico di tutti gli stakeholder. Paolo Ferrari ha concluso evidenziando quanto è esteso il perimetro del dialogo per costruire nuovo valore non solo inteso come ricchezza ma come arricchimento.