Attualità

Ridisegnata la mobilità di Milano, tra rete di ricarica e Low Emission Zone

Pubblicato il PUMS, Piano della Mobilità Sostenibile, per la città di Milano. Il futuro della mobilità tra lo sharing elettrico e il potenziamento della rete sovracomunale

Nato nel 2013 e redatto con la partecipazione della città e dei principali enti coinvolti, è stato presentato nelle scorse settimane il PUMS, Piano della Mobilità Sostenibile, per la città di Milano.
Un progetto che mira a ridefinire la mobilità del capoluogo lombardo, ridefinendone i confini e i principali vettori, analizzando soprattutto le tendenze future di sviluppo e l’evoluzione delle esigenze cittadine

Illustrato da Pierfrancesco Maran, assessore alla Mobilità e Ambiente, il PUMS è stato presentato alla Giunta Milanese e ora è a disposizione per 60 giorni presso gli uffici del Settore Pianificazione e Programmazione Mobilità e del Settore Politiche Ambientali ed Energetiche, oltre a essere pubblicato sul sito del Comune di Milano e di Regione Lombardia.
Un operazione necessaria per far prender visione dei punti cardini del progetto e consentire eventuali osservazioni e proposte di modifica.

Tra le principali indicazioni, il piano prevede il potenziamento della linee metropolitane oltre i confini comunali, in particolare: la M2 da Cologno Nord a Brugherio e da Assago a Rozzano, la M3 da San Donato a San Donato est, la M5 da San Siro a Settimo e la M4 da San Cristoforo a Corsico – Buccinasco. A questo si aggiunge la progettazione di una sesta linea, lungo la connessione radiale Nord-Ovest, Sud-Est, con servizio sugli assi Certosa/Sempione e Tibaldi/Quaranta.

Il Piano individua poi la creazione di una Low Emission Zone, collocata al confine comunale, all’interno comunque della cerchia delle tangenziali; tale strumento, realizzato attraverso l’installazione di varchi elettronici, consentirà di monitorare gli ingressi della città, applicando un controllo specifico soprattutto per camion e mezzi pesanti.

Anche la mobilità elettrica avrà un ruolo cardine nel futuro milanese; attualmente sono state installate 34 colonnine in diverse aree pubbliche nella città, oltre a circa 70 punti di ricarica in aree private (parcheggi aziendali, parcheggi condominiali e box e stazioni di interscambio).
Il progetto di sharing prevede inoltre l’installazione di punti di ricarica per quadricicli in zone appositamente realizzate (isole digitali): nel 2014 questa azione ha consentito il collocamento di 15 aree per un totale di 168 punti di ricarica, 116 per quadricicli in condivisione e 52 per uso privato; inoltre sono state attivate 12 ulteriori isole digitali con punti di ricarica anche pubblici.
Per il futuro, il Comune milanese promuoverà un progetto pilota per promuovere l’utilizzo di veicoli elettrici, sia per gli spostamenti privati sia per quelli operativi, con l’obiettivo di verificare le potenzialità di questa offerta e adattando le diverse tecnologie ora disponibili.