Attualità

Videosorveglianza e subentro in azienda

Quali regole detta l'Ispettorato Nazionale del Lavoro di fronte a una materia delicata come il diritto alla privacy e il rispetto delle norme poste a tutela dei lavoratori?

L’installazione di un impianto di videosorveglianza in un contesto lavorativo è soggetta al rispetto delle disposizioni dell’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori, ed in particolare dell’obbligo di accordo con le rappresentanze sindacali aziendali o dell’autorizzazione dell’Ispettorato nazionale del lavoro.

Nel caso di modifica degli assetti proprietari e del conseguente cambio di titolarità dell’impresa che ha installato impianti di videosorveglianza autorizzati, occorre distinguere i profili formali da quelli sostanziali, ed in particolare l’eventuale modifica dei presupposti legittimanti ovvero delle modalità di funzionamento del sistema stesso.

In funzione della situazione effettiva, pertanto, si potrà procedere a semplice comunicazione con dichiarazione specifica del nuovo titolare, ovvero a riavviare nuovamente l’iter di legge completo, rammentando che l’art. 171 del Codice della Privacy per come da ultimo modificato rende applicabili alle violazioni in materia sanzioni di carattere penale.

Ti interessa approfondire questo tema? Abbiamo pubblicato un articolo all’interno del Giornale dell’Installatore Elettrico: iscriviti gratuitamente e sfoglia l’ultimo numero sulla nostra edicola digitale.